A- A A+
Notizie

Amministrazione Trasparente

Il Dipartimento di Psicologia dell'Università di Cagliari sta organizzando, per i giorni 19-20-21 Settembre p.v., il Convegno nazionale "" Il Mobbing - La prevenzione del disagio in ambito lavorativo e la promozione del benessere"". Il programma completo e tutte le informazioni possono essere visualizzati all'indirizzo internet: www.psicologiacagliari.it.

Nota sul workshop organizzato dalla Commissione Europea l’11 maggio 2004 sul quadro legale degli appalti per via elettronica come definito dalle nuove direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE Lo scorso 11 maggio 2004 si è svolto a Bruxelles un workshop organizzato dalla Commissione Europea per illustrare le prospettive di utilizzo degli appalti per via elettronica dopo la conclusione dell’iter legislativo che ha portato all’approvazione delle direttive appalti e alla loro successiva pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee . Va innanzitutto precisato che le nuove direttive non definiscono l’appalto pubblico per via elettronica in quanto tale ma piuttosto l’uso di mezzi elettronici nella procedura di appalto mettendoli sullo stesso piano con le tecniche di appalto tradizionali basate sul ricorso a supporti cartacei. In generale le direttive appalti disciplinano alcune fasi del processo di acquisto mentre altre direttive regolano aspetti che ugualmente hanno rilevanza nel contesto di questo particolare tipo di procedure: ad esempio si pensi alla regolazione della firma elettronica, della protezione dei dati, della fatturazione elettronica oltre che del commercio elettronico. Cionondimeno le nuove possibilità offerte dalla tecnologia hanno portato il legislatore a introdurre alcune nuove pratiche e quindi a offrire alle stazioni appaltanti nuove opzioni. Quindi dalla semplice possibilità di pubblicare elettronicamente il bando e l’avviso di aggiudicazione si può ora giungere allo scambio di documenti e informazioni per e-mail fino all’uso di procedure e pratiche completamente elettroniche come i sistemi dinamici di acquisto e le aste elettroniche. Negli appalti pubblici possono distinguersi due diversi tipi di situazioni, date l’una dall’acquisto di quantità modeste di beni o di servizi ma di alta qualità, l’altra di quantità maggiori ma di qualità inferiore. Nel primo caso l’uso di procedure elettroniche può essere utilizzato per accelerare la fase iniziale del bando permettendo così alla stazione appaltante di potersi concentrare sulla scelta dell’offerta qualitativamente più idonea. Nel secondo invece le possibilità date dalle direttive si concretizzano in particolare negli accordi quadro e nei sistemi dinamici di acquisizione. Gli accordi quadro non sono una novità assoluta nel panorama degli appalti pubblici e consentono alla stazione appaltante di determinare le caratteristiche dei contratti da aggiudicare in un dato periodo, in particolare il prezzo e la quantità al fine di semplificare la selezione e l’aggiudicazione di contratti di tipo ripetitivo. Il contratto quadro non vincola l’autorità aggiudicatrice a ricorrere sempre agli aggiudicatari di questo contratto per ogni tipo di acquisto avente determinate caratteristiche ma esso costituisce comunque un sistema chiuso e inaccessibile per i soggetti che non abbiano partecipato alla competizione promossa per esservi ammessi. Il periodo di validità di un contratto quadro non può eccedere i quattro anni. Diverso è invece il sistema dinamico di acquisizione, anch’esso della durata massima di quattro anni, che consente però agli offerenti di modificare le offerte durante il periodo variandone le condizioni. All’interno del sistema dinamico di acquisizione ogni singolo contratto deve essere comunque messo in concorrenza con un’apposita gara. Ulteriore novità è stata introdotta con le aste elettroniche, nella disciplina delle quali il legislatore ha tenuto in particolare considerazione le esigenze relative alla correttezza e alla sicurezza della procedura. Le direttive non prescrivono specifiche soluzioni tecniche al fine di introdurre gli appalti pubblici per via elettronica e quindi è duplice l’obbiettivo che andrà perseguito nella fase dell’implementazione della direttiva che si va ad aprire: da un lato stabilire sistemi che siano rispettosi delle regole e dello spirito delle nuove direttive, dall’altro mettere nelle condizioni sistemi diversi di operare tra loro senza discriminazione tra fornitori assicurando trasparenza, parità di trattamento e libera concorrenza. Il problema maggiore quindi é e sarà dato dall’interoperabilità tra sistemi che consisterà ad esempio nella compatibilità tra diversi formati di documenti o tra diverse modalità di funzionamento della firma elettronica. Dalla velocità e dall’efficacia con cui potranno essere trovate le giuste soluzioni per queste problematiche discenderà l’effettiva possibilità per le stazioni appaltanti di giovarsi di questa nuova opzione. A cura dell’Avv. Massimo Baldinato

ANCI VENETO

Presidente: Maria Rosa Pavanello
Direttore: Carlo Rapicavoli
Via M. Cesarotti n°17 - 35030 Selvazzano Dentro (PD) 
Tel. 0498979033 - Fax 0498984643
email: anciveneto@anciveneto.org 
pec: anciveneto@pec.it
CF: 80012110245

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

 

A tale proposito se  hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email attraverso l'apposito form nella pagina dei contatti

 

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.ancisa.it. A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell'utente.
 

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.
 

   2) A cosa servono i cookie? 

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

 

   3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.
 

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici? 

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se "utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici." 
 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.
 

   6) È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.
 

   7) In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.
 

   8) In che modo deve essere realizzato il banner?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click.
 

   9) Che indicazioni deve contenere il banner? 

Il banner deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.
 

   10) Come tenere documentazione del consenso all'uso dei cookie?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.
 

   11) Il consenso all'uso dei cookie si può avere solo con il banner?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L'uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

 

   12) Che cosa si deve inserire nella pagina informativa più estesa?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.
 

   13) Chi è tenuto a informare il Garante che usa cookie di profilazione?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.
 

   14) Quando entrerà in vigore questa normativa?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.
 

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browserInternet Service Provider (ISP)data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente e sono cookie tecnici.
 

COOKIE DI TERZE PARTI PRESENTI NEL SITO 

.....

TWITTER


Migliorare la vivibilità urbana e la salute dei cittadini partendo dalla mobilità. Parigi comincia a studiare il… https://t.co/va78nchX2l

L'immaginazione trova spazio in città e ne ridisegna i contorni. A Torino con @cocity_torino un patto di collaboraz… https://t.co/r6hBMHnE0K
Follow ANCI on Twitter

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Anciveneto.
Iscriviti
Non saranno inviate email di spam.