A- A A+
Fondo Innovazione - FAQ

Qui trovi tutte le domande e risposte relative al Fondo

Suggerimento:
Per trovare velocemente quello che cerchi, usa la scorciatoria Ctrl+F da tastiera, o utilizza la funzione "Trova nella pagina" se stai consultando il sito da smartphone, e inserisci una parola chiave da trovare.

FAQ RELATIVE ALLA SECONDA FASE DEL BANDO (PER RESTANTE 80% DI CONTRIBUTO)

ATTENZIONE: le FAQ di questa sezione verranno costantemente aggiornate, tornate periodicamente per visionare le ultime risposte fornite alle domande più comuni.

 
1 - Cosa significa il requisito "MIGRAZIONE FULL PAGOPA MODELLO 1 E MODELLO 3" necessario per richiedere l'erogazione dell'80% a saldo del contributo del Fondo Innovazione?
Per rispondervi abbiamo predisposto un pratico schema esplicativo, che potete consultare cliccando >> QUI
 
2 - Canone Unico Patrimoniale: Attivazione nuovo dovuto Canone Unico Patrimoniale in modalità spontanea per i comuni che hanno partecipato al Fondo Innovazione in forma aggregata.
A partire dal mese di maggio 2021, Regione del Veneto ha attivato un nuovo servizio di incasso denominato Canone Unico Patrimoniale. Il nuovo dovuto è stato messo a disposizione dei comuni che hanno aderito al Fondo in forma aggregata, sul sito mypay.regione.veneto.it/, in modalità di pagamento spontaneo.
L’attivazione massiva del dovuto per tutti i comuni che hanno aderito in forma aggregata è stata effettuata in considerazione del fatto che dal 2021 il Canone Unico Patrimoniale sostituisce i seguenti tributi, già compresi nei 25 standard: (TOSAP) – tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP) – canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (ICPDPA) – imposta comunale sulla pubblicità e il diritto sulle pubbliche affissioni (CIMP) – canone per l’installazione dei mezzi pubblicitari.
Come per gli altri servizi di incasso attivati per il vostro comune, anche il canone unico patrimoniale è associato al relativo codice tassonomico e potrà essere pagato direttamente sul sito mypay.regione.veneto.it/ (pagamento Modello 1) o, in alternativa, il cittadino potrà stamparsi l’avviso di pagamento (pagamento Modello 3) e procedere a pagare presso i vari PSP disponibili (CBILL, Poste, Tabaccai, Banche, etc.). In quest’ultimo caso il cittadino potrà ricevere l’avviso anche sull’AppIO.
Qualora il vostro Comune intenda disabilitare tale servizio di incasso spontaneo, può mandare la richiesta utilizzando il seguente modello:
Mandare e-mail ordinaria (no pec) a call.center@regione.veneto.it
Oggetto: MyPay – richiesta disabilitazione dovuto spontaneo CANONE_UNICO_SP per il comune di …..
Si richiede la disabilitazione del dovuto spontaneo avente codice CANONE_UNICO_SP e descrizione “Canone Unico Patrimoniale” per il comune di …… (specificare il nome del comune).
 
3 - Come compilare il form nel caso in cui un Comune abbia già personalizzato i propri dovuti e/o avesse necessità di attivare dei dovuti in modalità diversa da quello spontaneo?
Risposta "SI": Regione del Veneto attiva il dovuto indicato come spontaneo;
Risposta "NO": Regione del Veneto non effetua alcuna attivà per il dovuto indicato (quindi nel caso in cui il comune abbia già attivato il dovuto indicando "NO" la situazione resterà inalterata);

Nel caso in cui si abbia la necessità di attivare dovuti con modalità diversa da quello spontaneo, per necessità di integrazione con software gestionali di terze parti, occorre inviare il documento Informativa (https://myextranet.regione.veneto.it/url/mypay-informativa-ente-comuni) a call.center@regione.veneto.it. Ricordiamo che in questo caso va verificato con il proprio fornitore che il sistema dia la possibilità al cittadino di effettuare il pagamento sia con modello 1 sia con modello 3, per essere certi che tali dovuti rientrino tra quelli considerati per il raggiungimento degli obiettivi per l'80% del contributo (vedere FAQ n.1 sopra).
 
4 - Attivando sul proprio portale l'interfaccia di pagamento del proprio fornitore integrata con MyPay, ciò potrebbe compromettere l'erogazione del contributo "Fondo per l'innovazione tecnologica e la digitalizzazione della PA" (non essendo chiaramente più linkata l'interfaccia per il pagamento tramite MyPay)?
La pubblicazione dei servizi di incasso sul portale mypay consente il pagamento sia come mod. 1 che come mod. 3.
Se il comune non ha più linkato l'interfaccia per il pagamento tramite MyPay deve verificare con il proprio fornitore che i servizi di incasso pubblicati sul proprio portale siano resi disposìnibli per il pagamento sia con mod. 1 che con mod. 3.
 
5 - Un servizio di incasso reso disponibile da Regione Veneto nel pacchetto dei dovuti regionali standard può essere spacchettato in in più voci e quindi di conseguenza possono essere creati nuovi dovuti spontanei?
Al momento non è prevista la creazione di nuovi dovuti spontanei standard.
 
6 - I codici tassonomici duplicati (ovvero presenti sia nei 25 originari dovuti sia nei 74 nuovi) sono un'anomalia?
I codice tassonomici duplicati non sono un'anomalia in quanto pagoPA non richiede univocità nell'associazione dei codici tassonomici ai dovuti.
Se 2 dovuti hanno lo stesso codice tassonomico, l'ente può scegliere quale dovuto attivare o mantenere attivi entrambi.
 
7 - I dovuti spontanei standard che saranno attivati dopo il 01/10/2021, per i comuni che hanno aderito in modalità aggregata, è possibile attivarli in modalità diversa da spontanea (flusso o pagamento iniziato presso ente)?
Questi nuovi servizi di incasso saranno attivati in modalità BASE. Successivamente all’attivazione il comune potrà richiedere eventuali modifiche e/o personalizzazioni, che saranno valutate caso per caso. La richiesta deve essere effettuata inviandio mail a call.center@regione.veneto.it
 
8 - Si possono avere chiarimenti in merito al significato dei MODELLI DI PAGAMENTO?
Ci sono due classificazioni dei pagamenti PagoPA:
-Una prima classificazione è in base al soggetto da cui parte l’iniziativa per la creazione della posizione debitoria: su iniziativa del cittadino (pagamento spontaneo) o su iniziativa dell’EC (pagamento su avviso o pagamento atteso).
-Una seconda classificazione è in base a dove inizia il pagamento: sul sito dell’ente (pagamento modello 1) oppure presso uno sportello del PSP (pagamento modello 3).
Un avviso PagoPA (pagamento atteso) può essere pagato con modello 1 se l’EC mette a disposizione tramite il proprio sito la possibilità di pagare l’avviso on line, così come fa MyPay.
 
9 - FORMA AGGREGATA - L'Ente può richiedere la modifica di quanto dichiarato nel modulo di scelta dei 74 nuovi servizi di incasso, in caso di ripensamenti o errori?
NON AL MOMENTO.
A seguito infatti di un confronto con Regione del Veneto, ci è stato segnalato che le richieste di rettifica dei nuovi servizi di incasso saranno gestite dopo l'attivazione massiva.
Nel concreto, quando il Vostro Ente, all’interno della propria pagina MyPay, troverà i nuovi servizi di incasso aggiunti potrà fare una verifica finale e chiedere eventuali rettifiche (aggiunte/disattivazioni) inviando mail a call.center@regione.veneto.it per l'apertura del relativo ticket di assistenza.
Purtroppo infatti le attività tecniche per l'implementazione dei nuovi dovuti sono già iniziate e per Regione del Veneto è un problema gestire modifiche rispetto a quanto già comunicato.
 
10 - FORMA AGGREGATA - Se un Ente NON ha compilato il modulo di scelta dei 74 nuovi servizi di incasso entro i tempi indicati, può richiedere di farlo ora?
PURTROPPO NO, in quanto i dati di attivazione dei nuovi dovuti sono già in fase di elaborazione da parte di Regione del Veneto. Sarà possibile chiedere una variazione aprendo un ticket (scrivendo a call.center@regione.veneto.it) dai primi giorni del mese di ottobre, quando i nuovi servizi di incasso saranno attivi su MyPay.
 
11 - FORMA AGGREGATA - Perché non trovo già attivi i servizi di incasso selezionati tra i 74 presenti nel modulo compilato entro il 4 settembre scorso?
L'inserimento dei nuovi servizi di incasso selezionati dai vari Comuni aderenti in Forma Aggregata sono in fase di inserimento. Regione del Veneto ha comunicato che saranno visibili dopo il 01/10/2021 e comunque entro il 08/10/2021.

FAQ RELATIVE ALL'EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO DEL 20%

0 - PREMESSA: Come posso essere sicuro di aver raggiunto i risultati minimi attesi dal Bando?
Sarà PAGOPA assieme ad AGID ad effettuare tali verifiche. Nè Anci Veneto nè Regione del Veneto possono garantire questa informazione. In particolare, ANCI VENETO si sta occupando di verificare la corretta forma di richiesta del contributo, NON la sostanza. TUTTI I CASI LIMITE, siano essi in forma singola o aggregata, dovranno quindi comunque produrre la richiesta di contributo e poi rimanere in attesa delle verifiche di PAGOPA e AGID, come tutti gli altri Enti.
ATTENZIONE: nel caso non accedeste al contributo del 20% ciò non implica l'impossibilità di ottenere il successivo contributo dell'80% per i risultati ottenuti entro il 31/21/21.
 

1 - Nell’allegato D si dice: “ A questo scopo allega i codici tassonomici dei servizi di incasso attivati in modalità 1 e 3 con indicazioni di quali di questi siano utilizzabili con SPID e con l’AppIO.” Ma cosa bisogna allegare?

Queste informazioni sono contenute nel form quindi basta allegare quello. La compilazione del form e successivo invio di una copia delle risposte corrisponde alla dichiarazione dell’elenco dei codici tassonomici attivati, e relativa indicazione di utilizzo con SPID e AppIO, come indicato all’interno dell’Allegato D del Bando.

 

2 - Se nella sezione dati specifici di riscossione non compare il codice tassonomico è un problema? Nella lista dei 25 dovuti mancano dei pagamenti che il mio Ente gestisce (es. rimborso utenze da parte di terzi): quelle le incasso senza usare pagopa -mypay?

Se non viene trasmesso dall’ente il codice tassonomico viene inserito da Regione del Veneto di default (se forma aggregata). Se nella sezione dati specifici di riscossione non compare il codice tassonomico può essere un problema ma dipende da dove non compare il codice tassonomico, nella domanda non è specificato dove. Per avere una risposta specifica mandare una mail dettagliata a call.center@regione.veneto.it allegando più informazioni possibili (nell’oggetto della richiesta specificare sempre il prodotto di riferimento, in questo caso MyPay).

Tutti gli incassi devono aderire a PAGOPA, se ci sono degli incassi che non compaiono basta fare richiesta alla mail call.center@regione.veneto.it così che vengano integrati (nell’oggetto della richiesta specificare sempre il prodotto di riferimento, in questo caso MyPay).

 

3 - L’Ente ha fatto 4 pagamenti su quattro diversi nuovi dovuti , 2 su mod. 1 e 2 su mod. 3 il vostro form però prevede due soli dovuti con mod. 1 e 3 come se andasse pagato lo stesso dovuto con mod. 1 e con mod. 3 Come compiliamo il form? il problema è che abbiamo fatto 4 pagamenti con 4 dovuti diversi e non 2 pagamenti per 1 dovuto e 2 pagamenti per un altro dovuto. Il form sembra voler due pagamenti per ogni singolo dovuto, o mi sbaglio?

Nei form si chiede quali sono i nuovi dovuti, le transazioni di prova effettuate sono ininfluenti. Ovviamente nel tempo devono esserci delle vere transazioni, è opportuno scegliere i dovuti più utilizzati dai cittadini così nel momento dei controlli da parte di PagoPA e AGID ci siano delle movimentazioni

Verrà verificato se i 2 nuovi dovuti dichiarati sono presenti o meno ovvero vi siano delle transazioni che non devono essere state fatte necessariamente entro il 28/02 ma anche successivamente, era sufficiente effettuare dei pagamenti di prova per essere certi che il sistema fosse operativo e non si riscontrassero delle difficoltà.

Per integrazione AppIO e SPISe l’ente ha fatto domanda in forma aggregata i due servizi che l’Ente indicherà soddisfano tutti i requisiti richiesti al 28/02.

In ogni caso nell’app IO e in SPID ci deve essere almeno un servizio di incasso. Devono essere comunicati i codici tassonomici (obbligatori dal 01/03/2021) dei servizi che sono su app IO e su SPID.

 

4 - L'Ente, adesione in forma aggregata, ha effettuato delle prove su alcuni dovuti che però non saranno quelli principalmente utilizzati dalla cittadinanza. Nel form bisogna indicare altri dovuti che invece saranno utilizzati, anche se per questi non vi sono ancora presenti delle transazioni (scrivendo quindi "NO" su "Sono state effettuate transazioni"? Oppure deve indicare i dovuti per i quali sono state fatte le prove/transazioni, anche se poi non saranno dovuti "attivi" e movimentati che PAGOPA potrà verificare?
Nei form si chiede di indicare due nuovi dovuti, le transazioni di prova effettuate sono ininfluenti. Ovviamente nel tempo devono esserci delle vere transazioni, è opportuno scegliere i dovuti più utilizzati dai cittadini così nel momento dei controlli da parte di PagoPA e AGID ci siano delle movimentazioni.  Si precisa che i pagamenti che si effettuano presentando un avviso PagoPA presso i PSP fisici (poste, tabaccai, banche, home banking) sono pagamenti modello 3. Per le definizioni dei modelli di pagamento PagoPA vedere FAQ PagoPA numero A10: https://pagopa-docs-faq.readthedocs.io/it/latest/_docs/FAQ_sezioneA.html#a10-quali-sono-i-modelli-di-pagamento-previsti
Ad occuparsi della verifica del raggiungimento dei risultati saranno PAGOPA ed AGID, basandosi su quanto dichiarato da ogni Comune in fase di richiesta del contributo. Non sarà pertanto possibile né per Anci Veneto né per Regione del Veneto fornire rassicurazioni ai Comuni in tal senso.
In ogni caso i servizi devono essere utilizzati/messi a disposizione ai cittadini. Dalle verifiche che verranno fatte devono risultare transazioni sui nuovi dovuti dichiarati. Anche dopo il 28/02/2021 anche perché questo deve essere l’unico sistema di incasso dell’ente.
Prima del 28/02 è stato consigliato di effettuare dei pagamenti di prova con modello 1 e modello 3  (anche di pochi centesimi) anche per essere certi che il sistema fosse operativo e non si  riscontrassero delle difficoltà.

 

5 - L'Ente ha presentato la domanda di adesione in forma aggregata pur utilizzando anche un software esterno (forma singola). Ad oggi abbiamo gestito incassi pagopa solo con la forma singola (altro software). La richiesta di contributo dovrà essere presentata come forma aggregata o forma singola? Le transazioni e gli incassi pagopa come verranno verificati? Grazie

Se è stata scelta la forma aggregata probabilmente l’obiettivo era quello di coprire un numero di dovuti maggiori di quelli messi a disposizione con il vostro fornitore. Quindi tra i 25 nuovi dovuti messi a disposizione da Regione ipotizziamo che ce ne sia almeno 2 di nuovi e quindi possono essere dichiarati quelli.

In alternativa possono essere dichiarati i dovuti gestiti con l’altro intermediario tecnologico compilando la forma singola completa di tutti i dati e dichiarando 2 dovuti attivati successivamente all’11/01/2021. Ci si riferisce in ogni caso a due dovuti nuovi. Si tratta di un caso estremo che consigliamo di utilizzare solo se l’ente rischia di non raggiungere i risultati minimi.

 

6 - L'ente ha avviato il 15/02/2021 n.19 nuovi tipi dovuto in cooperazione applicativa in MyPay, in aggiunta ai 25 standard attivati da Regione. Non abbiamo trovato come dare evidenza di questa attivazione, che soddisfa ampiamente al vincolo dei 2 nuovi dovuti per il 20%, nei form di Anciveneto, se non nel campo note. Grazie

E’ sufficiente scegliere 2 nuovi dovuti tra i 25 messi a disposizione da Regione. Gli ulteriori nuovi dovuti possono essere indicati nel campo note.

 

7 - Si invia il modulo richiesta contributo in unico file con i form il tutto firmato oppure il modulo firmato e i form allegati separatamente in una pec ?

E’ sufficiente che l’ente firmi la domanda e che gli allegati siano inseriti nella pec. Poi se riuscite a mettere tutto in un unico file e firmare digitalmente è meglio.

 

8 - Devono essere i dovuti accessibili su entrambi sia su SPID e AppIO oppure solo su uno?

Bisogna rendere disponibili 2 nuovi servizi di incasso per gli enti che alla data di pubblicazione del bando erano già aderenti a PagoPa, 1 nuovo dovuto se l’ente ha aderito dopo l’11/01/2021.

Per quanto riguarda l’App IO deve essere disponibile almeno 1 dovuto al 28/02/2021. Per gli enti in forma aggregata tutti i nuovi dovuti sono visibili sull’App IO.

Almeno uno dei nuovi dovuti deve essere disponibile con SPID al 28/02/2021. Per gli enti in forma aggregata tutti i nuovi dovuti sono disponibili con SPID.

I controlli verranno fatti dal Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, con l’ausilio di PagoPA e AGID.

 

9 - Se si è già compilato e inviato il primo form ma mi accorgo di un piccolo errore sui dati del referente; prima di inviarlo con il resto dei documenti posso ricompilare e inviarne un altro corretto? Grazie

E’ sempre possibile compilare un nuovo form. Verrà tenuto in considerazione solo l’ultimo file compilato e inviato unitamente alla domanda.

 

10 - Se l'Ente ha aderito in forma aggregata si deve indicare Regione del Veneto come partner tecnologico, esatto?

Si, nel form viene richiesto di indicare in che forma si è aderito al FONDO INNOVAZIONE:

se in forma aggregata: si intende con anche Regione del Veneto come intermediario tecnologico (ma non esclusivamente). In questo caso si chiede di indicare anche quale sia l’intermediario tecnologico in aggiunta a Regione del Veneto

oppure se in forma singola: si intende con intermediario tecnologico esclusivamente diverso da Regione del Veneto. In questo caso si chiede di indicare quale sia l’intermediario tecnologico scelto

 

11 - Il Comune aveva pubblicato prima del bando alcuni dovuti, per i quali ha avuto incassi solo a marzo, possiamo considerare questi come nuovi ai fini della rendicontazione del contributo? grazie

No, i dovuti devono essere stati attivati dopo l’11/01/2021, la data di attivazione coincide con la messa a disposizione del servizio.

 

12 - Il nostro Ente ha aderito in forma aggregata ma poiché aderisce a PagoPA con intermediario privato e attiverà spid regionale. Quindi come dobbiamo procedere nella compilazione del form? Perchè i codici tassonomici e le tipologie di dovuti sono state individuate con l'intermediario e-fil. grazie

Se l’ente ha aderito in forma aggregata può in ogni caso scegliere almeno 2 dei 25 dovuti messi a disposizione da Regione.

Se invece l’ente ha aderito in forma singola deve chiedere al proprio fornitore. In ogni caso devono essere rispettati i risultati minimi.

 

13 - L'Ente ha aderito a MyPay attivando formalmente il sistema nel 2016 ma non lo ha messo in produzione fino ad ora. Considero tutti i 25 dovuti come nuovi?

Se la disponibilità dei dovuti è stata attivata dopo l’11/01 si possono considerare tutti e 25 come nuovi. E’ opportuno verificare se avendo aderito nel 2016 l’ente non abbia accettato di attivare dei dovuti, mai utilizzati, ma comunque disponibili.

 

14 - Per chi ha fatto domanda in forma aggregata: bisogna elencare tutti i nuovi dovuti o solo 2 per ottemperare ai requisiti?”

“Chi ha aderito in forma aggregata al modulo D deve allegare solo i due nuovi dovuti o come richiesto deve allegare tutti i codici tassonomici dei servizi di incasso attivati in modalità 1 e 3 …”)

Per gli enti che hanno aderito in forma aggregata è sufficiente indicare i 2 nuovi dovuti dei 25 messi a disposizione da Regione del Veneto. (Per NUOVO si intende non attivo prima del 11/01/2021 né con Regione del Veneto né con altro intermediario tecnologico)

Per gli enti che hanno aderito in forma singola è necessario chiedere i 2 nuovi dovuti al proprio intermediario tecnologico (Per NUOVO si intende non attivo prima del 11/01/2021 né con Regione del Veneto né con altro intermediario tecnologico).

Ulteriori nuovi dovuti possono essere eventualmente indicati nel campo note.

 

15 - Partecipando in forma aggregata, aderito a MyPay prima dell’ultimo rilascio, quindi i dovuti precedenti erano pubblicati in MyPay, ma quasi sicuramente mai usati dai cittadini. Come individuiamo quali sono i nuovi. Tutti potenzialmente? in sostanza che verifiche vengono fatte su questo?

I nuovi dovuti sono quelli la cui disponibilità è stata attivata dopo l’11/01. E’ opportuno verificare se avendo aderito nel 2016 l’ente non abbia accettato di avere pubblicati dei dovuti, mai utilizzati, ma comunque disponibili e quindi non nuovi. Le verifiche vengono fatte da PagoPA.

In ogni caso, i 25 dovuti spontanei attivati ai comuni che hanno aderito in forma aggregata comprendono 5 nuovi dovuti mai censiti prima in Mypay: Numeri civici, Emissione carta d'identità Elettronica, Diritto fisso Separazione/Divorzi, Servizio celebrazione matrimoni civili, Diritti di segreteria per certificati anagrafici. Chi ha Regione del Veneto come unico intermediario tecnologico per PagoPA può scegliere due dovuti tra quelli sopra elencati. Gli enti che avessero anche altri intermediari / partner tecnologici oltre Regione del Veneto, dovranno invece verificare che effettivamente i nuovi servizi su MyPay non siano presenti sui sistemi di altri intermediari.

 

16 - Bisognava effettuare operazioni di versamento sui nuovi dovuti?

I servizi devono essere utilizzati/messi a disposizione ai cittadini. Dalle verifiche che verranno fatte devono risultare transazioni sui nuovi dovuti dichiarati.

 

17 - Per ottenere il 20 % del contributo sui 2 nuovi dovuti devono anche risultare dei pagamenti effettuati entro il 28 febbraio o sono sufficienti le emissioni degli avvisi?

Le transazioni devono esserci dopo il 28/02 anche perché questo deve essere l’unico sistema di incasso dell’ente.

 

18 - Per i nuovi dovuti attivati da Regione Veneto nell'ultima settimana di Febbraio cosa si intende per prove effettuate entro il 28/02? i pagamenti effettivamente sono stati effettuati nei primi giorni di marzo non prima a causa delle tempistiche stringenti

Il bando prevedeva anche due transazioni / pagamenti sui due nuovi servizi, c'era un importo minimo da rispettare, ci hanno detto che bastava anche un centesimo, è giusto?

Ad occuparsi della verifica del raggiungimento dei risultati saranno PAGOPA ed AGID, basandosi su quanto dichiarato da ogni Comune in fase di richiesta del contributo. Non sarà pertanto possibile né per Anci Veneto né per Regione del Veneto fornire rassicurazioni ai Comuni in tal senso.

In ogni caso i servizi devono essere utilizzati/messi a disposizione ai cittadini. Dalle verifiche che verranno fatte devono risultare transazioni sui nuovi dovuti dichiarati. Anche dopo il 28/02/2021 anche perché questo deve essere l’unico sistema di incasso dell’ente.

Prima del 28/02 è stato consigliato di effettuare dei pagamenti di prova (anche di pochi centesimi) anche per essere certi che il sistema fosse operativo e non si riscontrassero delle difficoltà.

 

19 - Nella APPIO non si vedono ancora i servizi locali disponibili. Il fatto di aver partecipato in forma aggregata significa che la Regione garantisce che i dovuti sono disponibili nella app. Giusto per essere sicura di aver compreso e non dichiarare il falso.

I servizi di incasso messi a disposizione da Regione del Veneto per gli enti aderenti in forma aggregata possono essere utilizzati dai cittadini per pagare direttamente sul sito (Mod 1) o, in alternativa, il cittadino può stamparsi l’avviso di pagamento (Mod 3) e procedere a pagare presso i vari PSP disponibili (CBILL, Poste, Tabaccai, Banche, etc.). In quest’ultimo caso il cittadino potrà ricevere l’avviso anche sull’AppIO.

 

20 - A quale data si fa riferimento per la determinazione della popolazione per la sapere l'importo del contributo?
Fare riferimento all’indice ISTAT provvisorio del 1° gennaio 2020.

 

21 - Senza avere attivato il SPID si può avere comunque il 20 %?

No: vedere requisiti minimi allegato A. Si fa presente che la partecipazione in forma aggregata consente di raggiungere anche i requisiti minimi previsti per SPID.

 

22 - Per Partner tecnologico/intermediario tecnologico si intendono eventuali altri partner presenti nel portale PAGO PA ovvero la software house che gestisce il programma dei pagamenti?

La definizione di Partner tecnologico e Intermediario tecnologico nell’ambito di PagoPA è consultabile a questo link: https://www.pagopa.gov.it/it/pubbliche-amministrazioni/partner-intermediari/

Gli intermediari e i partner tecnologici di un ente sono quelli individuati dal referente dei pagamenti nel Portale delle Adesioni di PagoPA.

Nel form viene richiesto di indicare in che forma si è aderito al FONDO INNOVAZIONE:

se in forma aggregata: si intende con anche Regione del Veneto come intermediario tecnologico (ma non esclusivamente). In questo caso si chiede di indicare anche quale sia l’intermediario tecnologico in aggiunta a Regione del Veneto

oppure se in forma singola: si intende con intermediario tecnologico esclusivamente diverso da Regione del Veneto. In questo caso si chiede di indicare quale sia l’intermediario tecnologico scelto

 

23 - In caso di non raggiungimento dei requisiti minimi, la domanda di erogazione del 20 % va inviata lo stesso?

Nel caso di non raggiungimento dei requisiti minimi entro il 28/02/2021 non è necessario inviare la domanda di erogazione del 20 %.

Potrete comunque concorrere per la richiesta di erogazione del restante 80% prevista al raggiungimento degli obiettivi previsti per il 31/12/2021.

 

24 - Per nuovo dovuto si intende quel dovuto che ha nuova pubblicazione o può essere considerato tale anche quello per cui non si sono avuti incassi prima del 28 febbraio? grazie

Nuova pubblicazione.

 

25 - Chi ha partecipato in forma aggregata e si avvale dei servizi regionali, non capisco se per renderli disponibili su App IO e SPID dobbiamo rivolgerci ad eventuale intermediario.

Per quanto riguarda il raggiungimento dei requisiti per i comuni che hanno aderito in forma aggregata si veda comunicazione di Anci Veneto n.1179 del 18/02/2021 presente sul sito di Anci Veneto nella pagina dedicata al Bando alla sezione “Documenti Utili – comunicazioni inviate”.

 

26 - Alcuni Comuni hanno ricevuto questa segnalazione il 3 marzo: Gentile Referente dei Pagamenti, da una verifica incrociata effettuata in MyPay e nel Portale Delle Adesioni PagoPA risulta che, per il Vostro Ente, l'iban di tesoreria non coincide. Tale disallineamento comporta l'impossibilità da parte del cittadino di concludere il pagamento dei dovuti. L'aggiornamento dell'IBAN è avvenuto il 5 di marzo. In questo caso non abbiamo rispettato i requisiti richiesti per ricevere l'erogazione del 20%?

Regione del Veneto discuterà dei casi “dubbi” con il Ministero non appena saranno dichiarate le varie casistiche da parte degli enti. In ogni caso saranno effettuati tutti gli sforzi necessari per includere il maggior numero di enti possibile.

 

27 - Quali sono e cosa si intende per mod 1 e mod 3?

Vedere FAQ PagoPA numero A10:

https://pagopa-docs-faq.readthedocs.io/it/latest/_docs/FAQ_sezioneA.html#a10-quali-sono-i-modelli-di-pagamento-previsti

 

28 - Dove si trovano i codici tassonomici?

Vedere la tabella tassonomica pubblicata sul sito di PagoPA: la “Tassonomia dei servizi erogati” consente ad ogni Ente Creditore di identificare uniformemente i servizi di incasso e le rispettive posizioni debitorie che transitano tramite la Piattaforma pagoPA. https://www.pagopa.gov.it/it/documentazione/in-evidenza/

 

29 - Come facciamo se non abbiamo modo ORA di risalire ai dovuti attivati prima del 11/01/2021, in caso di forma aggregata?

I 25 dovuti spontanei attivati ai comuni che hanno aderito in forma aggregata comprendono 5 nuovi dovuti mai censiti prima in Mypay: Numeri civici, Emissione carta d'identità Elettronica, Diritto fisso Separazione/Divorzi, Servizio celebrazione matrimoni civili, Diritti di segreteria per certificati anagrafici. Chi ha Regione del Veneto come unico intermediario tecnologico per PagoPA può scegliere due dovuti tra quelli sopra elencati. Per gli enti che avessero anche altri intermediari / partner tecnologici oltre Regione del Veneto, andrà invece verificato che effettivamente i nuovi servizi non siano presenti sui sistemi di altri intermediari.

 

30 - Il mio Comune si avvale dei gestionali Halley Veneto per la gran parte delle procedure, ma anche di “impresainungiorno” per le procedure SUAP/SUE e di Maggioli per le attività di Polizia locale. Come dobbiamo regolarci?

L’integrazione di PagoPA come prevede la norma comporta per maggiore efficienza dei processi di pagamento anche l’integrazione con i gestionali. Regione del Veneto sta lavorando con vari fornitori per integrare MyPay. Nell’immediato si consiglia di utilizzare gli strumenti a disposizione per gestire tutti i servizi di incasso.

 

31 - I 25 dovuti inseriti in forma aggregata hanno associato solo l'iban della banca di tesoreria. E' possibile associare anche l'iban postale?

Si. Requisito preliminare è verificare che l’iban postale sia censito e attivo nel portale delle adesioni. Successivamente richiedere a Regione del Veneto l’aggiunta dell’iban postale nel seguente modo: compilare l’informativa ente semplificata e mandarla a call.center@regione.veneto.it specificando a quali dovuti deve essere associato l’iban postale (nell’oggetto della richiesta specificare sempre il prodotto di riferimento, in questo caso MyPay).

 

32 - Era necessario concludere la transazione economica? nel pagamento online abbiamo sempre abbandonato prima di concludere il pagamento come indicato da una nota Anci Veneto. Abbiamo infatti ricevuto una ricevuta di pagamento a zero

Era stato suggerito che nel caso in cui non si riuscisse ad effettuare un pagamento reale si poteva procedere anche un pagamento di prova che arrivasse fino al sito del PSP scelto e successivamente abbandonare. Ovviamente sarebbe stato meglio un pagamento vero.

In ogni caso ad occuparsi della verifica del raggiungimento dei risultati saranno PAGOPA ed AGID. Non è pertanto possibile né per Anci Veneto né per Regione del Veneto fornire rassicurazioni ai Comuni in tal senso.

 

33 - Quando avremo a disposizione i tipi dovuto che abbiamo richiesto? Attualmente mancano dei tipi dovuti che invece il Comune incassa. Dobbiamo dirottare i versamenti ancora tramite bonifico?

Dovete censire tutti i tipi dovuto che il comune incassa e richiederne l’attivazione a Regione del Veneto tramite una mail a call.center@regione.veneto.it (nell’oggetto della richiesta specificare sempre il prodotto di riferimento, in questo caso MyPay).

 

34 - Il contributo che eventualmente il Comune riceverà sarà da rendicontare alla Regione? In quali servizi dovrà essere utilizzato?

Il contributo non dovrà essere rendicontato.

 

35 - Per quanto riguarda I NUOVI SERVIZI DI INCASSO ATTIVATI SU PAGOPA, nelle note aggiuntive del form, vorrei indicare i dati delle transazioni eseguite. Cosa devo scrivere: l’Identificativo Univoco di Versamento o l’Identificativo Univoco di Riversamento? La data di pagamento o la data di riversamento sul conto di Tesoreria?

Nulla di questo è richiesto

 

36 - Se tra i 25 dovuti standard abilitati da Regione del Veneto ai comuni che hanno aderito in forma aggregata sono presenti dovuti che non vengono utilizzati perché il servizio è stato trasferito o affidati ad un soggetto esterno, o per dovuti che non gestisce l'ente direttamente, come dobbiamo fare per disabilitarli?

Si faccia una richiesta a Regione del Veneto all’indirizzo call.center@regione.veneto.it indicando i dovuti da disabilitare (nell’oggetto della richiesta specificare sempre il prodotto di riferimento, in questo caso MyPay).

 

37 - Nel form n. 2 ci vengono richiesti i riferimenti dell'ufficio che fornirà al cittadino le informazioni necessarie a ricevere eventuali chiarimenti sulla posizione debitoria creata o per avere indicazioni su quanto pagato. Come possiamo indicare un unico ufficio di riferimento per gli avvisi di pagamento dal momento che diversi uffici emettono e gestiscono autonomamente i propri avvisi di pagamento?

La visione alla base di IO è mettere al centro il cittadino nell’interazione con la Pubblica Amministrazione, attraverso un’applicazione semplice e intuitiva disponibile direttamente sul proprio smartphone. In particolare, l’app IO rende concreto l’articolo 64 bis del Codice dell’Amministrazione Digitale, che istituisce un unico punto di accesso per tutti i servizi digitali. Adottare il paradigma del "cittadino al centro" significa mettersi nei panni dell’utente, che vede un solo Ente, il Comune. In prima istanza è quindi normale che il cittadino possa pensare di rivolgere quesiti e domande ad un unico interlocutore dell'Ente. Attualmente il servizio che notifica un avviso di pagamento su app IO afferisce a tutti i dovuti attivati da Regione del Veneto, per i comuni che hanno aderito in forma aggregata. In questa prima fase, quindi, si suggerisce di indicare un ufficio di riferimento.

 

38 - Nel form si chiede se sono state effettuate delle transanzioni di prova. Se si risponde di no, si ottiene comunque il 20 per cento del contributo?

Il 20% si ottiene se vengono raggiunti i risultati minimi indicati dal bando. I pagamenti di prova servivano solo a verificare la corretta funzionalità del sistema.

Ad occuparsi della verifica del raggiungimento dei risultati saranno PAGOPA ed AGID, basandosi su quanto dichiarato da ogni Comune in fase di richiesta del contributo. Non sarà pertanto possibile né per Anci Veneto né per Regione del Veneto fornire rassicurazioni ai Comuni in tal senso.

 

39 - Si e' a conoscenza di quando pagopa e agid faranno verifiche di pagamento?

No.

 

40 - Il fatto di incassare i diritti di segreteria con lo Spid del SUAP camerale significa che l'ente aveva già attivo il servizio con altro partner tecnologico?

Si, se gli incassi dei diritti di segreteria con lo Spid del SUAP camerale sono stati effettuati con PagoPA

 

41 - E' possibile ricevere uno schema base di form per chi ha aderito in forma singola, così da poter vedere tutte le domande, reperire le informazioni necessarie e poi procedere con la compilazione online?

Per vedere le vari domande potete procedere nei vari passi della compilazione, fermandovi prima di concludere con l’invio della conferma finale.

 

42 - In un Comune i cittadini tendono a pagare con il modello 3 ma non usando il modello 1 cioè pagamento informatico. pertanto noi dipendenti stiamo facendo delle simulazioni abbandonando il pagamento prima di pagare. ci arriva pertanto una ricevuta di pagamento a zero. possiamo ottenere il finanziamento lo stesso?

L’ente deve aver reso disponibili almeno 2 servizi di incasso in modalità 1 e 3. Devono risultare transazioni su questi servizi indipendentemente dalla modalità.

Ad occuparsi della verifica del raggiungimento dei risultati saranno PAGOPA ed AGID, basandosi su quanto dichiarato da ogni Comune in fase di richiesta del contributo. Non sarà pertanto possibile né per Anci Veneto né per Regione del Veneto fornire rassicurazioni ai Comuni in tal senso.

 

43 - Nel caso di pagamenti di pochi centesimi quali ad esempio i diritti anagrafici, i cittadini devono pagare sempre con pagopa con commissioni superiori a quanto dovrebbero versare?

La norma prevede che tutti i servizi di incasso debbano transitare tramite PagoPA. Sono ammessi incassi in contanti presso sportelli dell’ente o del tesoriere.

 

44 - Nella App IO, come cittadino, i Servizi locali non mi risultano attivabili da oltre un mese. Non si si può selezionare la località. Se vado sull'app IO il sistema dice già da diversi giorni "stiamo aggiornando i servizi locali La lista tornerà presto disponibile" e non posso quindi vedere se il servizio è attivo. Cosa si deve fare?

I 25 servizi di incasso attivati da Regione del Veneto per i comuni che hanno aderito in forma aggregata sono visibili in APP IO. Nel momento in cui il comune crea un avviso di pagamento a carico di un cittadino, questi si vedrà recapitare la notifica dell’avviso di pagamento all’interno dell’APP IO, indipendentemente dal fatto che la lista dei servizi locali sia visibile o meno. Per verificare se il servizio è attivo è sufficiente fare questo test (per generare un avviso di pagamento è sufficiente anche iniziare un pagamento di un dovuto spontaneo e procedere fino al download del pdf dell’avviso di pagamento, cliccando su “stampa prospetto”.

 

45 - I Comuni che hanno delegato Impresainungiorno alla Camera di Commercio, che consente pagamenti anche su IConto, debbono indicare quale altro intermediario (oltre alla Regione Veneto) Infocamere spa e relativo codice fiscale?

Si, se il referente dei pagamenti ha censito tale intermediario/partner tecnologico nel Portale delle adesioni.

 

46 - Il mio Ente ha ricevuto un modulo per l'adesione del Comune a SPID. Cosa dobbiamo fare? Questa cosa è inerente al Fondo Innovazione? Se abbiamo aderito in forma aggregata cambia qualcosa?
Dal 28 febbraio 2021 l’accesso dei cittadini ai sistemi e ai servizi della Pubblica Amministrazione che necessitano del riconoscimento dell’identità personale, deve avvenire esclusivamente attraverso SPID, acronimo di Sistema Pubblico di Identità Digitale. Lo stabilisce il Decreto Semplificazioni dello scorso luglio convertito in legge a settembre 2020.
In altre parole, non sono più utilizzabili i sistemi locali di riconoscimento dell’identità del cittadino stesso. Non solo: l’accesso SPID deve sempre essere affiancato all’autenticazione con CieID.
Premesso ciò si specifica quanto segue:
1. Qualora l’Ente metta a disposizione del cittadino esclusivamente dei servizi che fruiscono dei prodotti regionali, non è necessario per l’Ente sottoscrivere la convenzione con AGID per SPID. Infatti, prodotti quali MyPay/MyPivot, MyPortal3, servizi digitali LEDD (ad esempio: Prenotazione appuntamento, Segnalazioni anomalie sul territorio, Richiesta servizio trasporto scolastico, Richiesta patrocinio, Richiesta sale comunali, ecc.) già integrano tutti anche l’identità SPID, dato che Regione del Veneto funge da Ente aggregatore di tipo “full” verso AGID;
2. Anche per l’Ente che utilizza prodotti e servizi di terze parti, Regione del Veneto mette a disposizione un prodotto denominato MyID. MyID rappresenta un gateway di identità, ovvero una componente che, integrata con i prodotti e i servizi digitali che l’Ente eroga ai cittadini tramite terze parti, rende da subito fruibili l’autenticazione con SPID, CIE/CNS, CieID (presto verrà integrata anche l’identità europea eIDAS).
3. Nulla impedisce ad un ente di sottoscrivere per proprio conto una convenzione con Agid per SPID per servizi resi disponibili tramite prodotti diversi da quelli di Regione del Veneto, in questo caso l'ente  deve muoversi autonomamente e Regione del Veneto non è coinvolta.
Nel caso di adesione in forma aggregata al "Fondo per l'innovazione tecnologica e la digitalizzazione" sottoscritta dal Comune con ANCI Veneto nel corso dei primi mesi di questo anno, di fatto il Comune ha chiesto di utilizzare MyPay, MyPivot, MyID, MyPA e Appio Gateway. Di conseguenza, l'Ente ha riconosciuto il ruolo aggregatore di Regione del Veneto e risulta conseguentemente un Ente che già utilizza l'identità SPID agganciata al prodotto MyPay/MyPivot.
Per maggiori approfondimenti sul tema si invita a rivolgersi direttamente agli uffici regionali competenti. La persona di riferimento è il dott. Stefano De Colle – tel. 0412793255.

TUTTE LE ALTRE FAQ RELATIVE AL FONDO

NON TROVI RISPOSTA ALLA TUA DOMANDA?
Per quale motivo aderire a questa iniziativa?
Chi può aderire all'Avviso Pubblico?
Possono aderire anche i Piccoli Comuni? Anche se hanno aderito al Bando a loro dedicato, uscito a fine 2020?
Come devono agire i Comuni all’interno di Unioni, che hanno affidato a questa i servizi informatici?
Questo Avviso è lo stesso proposto da PagoPA sul loro portale?
Qual'è la differenza tra forma AGGREGATA e forma SINGOLA di partecipazione?
Come si fa ad aderire all'iniziativa?
Che formati sono ammessi come documentazione firmata digitalmente?
Chi sarà ad indicare quali Comuni hanno fatto o meno le attività richieste dall'Avviso?
Cosa significa ''adeguamento alla nuova tassonomia''?
Quali tipi di attività rientrano nel finanziamento?
Il Comune ha aderito al PagoPa della Regione Veneto: è corretto che presenti domanda in forma aggregata?
Caso di un Comune che ha aderito a un SAD. Le comunicazioni che arrivano in questo momento sul fondo dell'innovazione digitale riguardano questo Bando o è un'altra cosa?
Alcuni Comuni dell'aggregazione SAD, non ancora attivi sulle piattaforme regionali, si sono già attivati con i loro fornitori di riferimento per essere pronti a rispettare gli adempimenti in scadenza. Nell'ambito dei progetti del bando relativo all'asse 2, si vorrebbe però avviare per questi Comuni un percorso di adesione ai prodotti e servizi messi a disposizione dalla Regione. In queste situazioni è corretto aderire in forma singola? In seguito sarà comunque possibile aderire in tutto o in parte alle piattaforme regionali?
Qualora Comuni partecipanti con il SAD al bando POR FESR asse 2 partecipino in forma aggregata al bando fondo innovazione, sfruttando quindi le piattaforme regionali, sarà possibile dividere le attività tra i due bandi e, se sì, in che modo vanno rendicontate le attività?
La Regione informa che verranno messi a disposizione gratuitamente oltre ai contributi anche le soluzioni tecnologiche e la formazione. Se un Comune ha già attivato il PAgo PA e lo Split deve aggiungere un'ulteriore richiesta per l'App Io (e eventuali altre soluzioni) e per la relativa formazione?
Comune con più partner tecnologici tra cui anche HALLEY, che tipo di domanda va presentata, singola o aggregata?
Comune che ha attivato PagoPA con un intermediario tecnologico diverso da Regione Veneto. L'incarico era stato affidato prima che la Regione intervenisse per l'integrazione dei gestionali con le varie software-house. L'ente ha però aderito ai SAD. In che forma partecipa al Bando?
In questa fase è possibile aderire ai servizi regionali MyID, MyPA, servizi al cittadino, pur non avendo MyPay?
Per il raggiungimento della percentuale di attivazione il conteggio viene fatto sulle entrate che non sono introitate tramite f24? o sul totale delle entrate?
Chi cura l'integrazione tra i servizi My Pay, My Pivot, My ID , App Io gateway ed il gestionale usato presso l'Ente?
L'utilizzo delle piattaforme tecnologiche regionali messe a disposizione gratuitamente per il territorio sono facoltative nel loro utilizzo?
Si può aderire in forma aggregata anche se il Comune non utilizza MyPortal?
Un Consorzio di Bacino Imbrifero Montano che riceve trasferimenti (pagamenti - incassi) esclusivamente da altra pubblica amministrazione, è obbligato ad aderire al sistema PagoPA?
Come si conciliano con l'attuale Bando Innovazione Digitale le varie iniziative di contributi per la digitalizzazione della PA, espresse nei vari altri Bandi (come quello per i Piccoli Comuni, e altri)?
Servizi di pagamento differenti da quelli regionali rientreranno o meno nel conteggio degli obiettivi di rendicontazione richiesti da PagoPA essendo di fatto fuori dalla transazione della piattaforma regionale?
Dove è possibile reperire l'elenco dei dovuti che saranno aggiunti su MyPay?
Servizi attualmente riscossi per cassa da parte dei Comuni (certificati anagrafici, concessioni uff. tecnico, ecc) - si potrà continuare anche dopo il 28/02/2021?
Se l'Ente ha già attivi dei dovuti, come ottiene il contributo?
I servizi di incasso previsti da PagoPA fino a ora, per le Amministrazioni comunali, sono 67. Il 70% come deve essere calcolato? il 70% di 67? o il 70% dei servizi effettivamente erogati dal Comune?
Cosa si intende integrazione di almeno 1 servizio di incasso sull'app IO?
Piattaforma SPID - quali sono i parametri perchè sia inseribile positivamente tra le attività svolte per l’erogazione dei contributi?
I servizi resi disponibili in PagoPA e IOApp devono anche essere movimentanti entro le date del 28/02 e 31/12 per essere considerati attivi?
Ente connesso a MyPay, vorrebbe usare AppIO Gateway per l'invio notifiche pagamenti ai cittadini. Avviene in automatico? Permette di assolvere il risultato minimo atteso di cui all'All.A?
Cosa si intende per nuovi servizi?
La richiesta di erogazione del contributo (allegato D della documentazione sul sito) entro quando deve essere inviata?
Un comune che aderisce in forma aggregata è già a posto in vista della scadenza del 28/02 per la parte PagoPA e SPID?
Se si decidesse di attivare mypay avendo però già attivato i servizi di incasso dell'ente con altro intermediario, cosa succede se queste voci di entrata si sovrappongono ai 25 dovuti che Regione Veneto andrà ad attivare?
Se si usano solo parte dei software regionali, si può partecipare comunque alla forma aggregata?
I servizi regionali come ad esempio MyPay e MyPivot garantiscono la conciliazione degli incassi?
Per verificare se il comune è intermediato come lo si verifica?
Quando sarà disponibile la lista completa dei 25 dovuti standard? I nuovi dovuti terranno conto delle eventuali personalizzazioni effettuate dal Comune?
Nel dover raggiungere i risultati minimi del 28/2, è necessario aver attivato tutti e tre i servizi (PagoPA, SPID, AppIO)?
Per i Comuni che partecipano ai progetti MyCity e MyData, è possibile partecipare e con quali accortezze rispetto ai servizi integrati?
Quali sono i requisiti SPID? Sarà sufficiente l'accesso fornito dalla Regione tramite MyID o serve che l'ente concluda l'autenticazione presso AGID?
Se un comune ha già attivato pagoPA, ma NON ha mai effettuato una transazione, può considerare i servizi attivati come “nuovi servizi d’incasso”?
Una volta aderito, entro l'11 febbraio, se in forma aggregata, cosa deve fare il Comune per essere sicuro di raggiungere i risultati minimi attesi al 28/2?
I pagamenti del SUAP, che avvengono tramite Infocamere, possono essere convogliati su MyPay, che già il Comune utilizza per gli altri versamenti?
Nel conteggio per la verifica dei risultati minimi attesi, contano solo i servizi che comportano pagamenti verso l'Ente anche per i requisiti su AppIO e SPID?
Se parte dei dovuti standard sono già in corso di integrazione applicativa tra MyPay e il partner tecnologico (es. come predeterminati) verranno ripubblicati anche come standard o si può procedere solo con il sistema in cooperazione applicativa?
Dalla circolare del Ministero di dicembre 2020 si fa presente che PagoPA è obbligatorio ma non esclusivo, quindi le altre forme di pagamento ad oggi normate continueranno a coesistere? (F24, bonifico bancario, ecc.)
Le piattaforme regionali devono comunicare in qualche modo con i software gestionale dei comuni? Ci sono già dei connettori disponibili?
Con i prodotti forniti dalla Regione Veneto è possibile stampare singolarmente o massivamente ai cittadini gli avvisi di pagamento?
In caso di aggregazione con Regione, per determinati pagamenti che l'Ente dovesse richiedere e la cui voce non sia presente nell'elenco dei dovuti, come devono essere trattati in ordine alla creazione dell'avviso di pagamento?
Nella compilazione del form e nell'All. D si deve indicare l’iban del conto di tesoreria o quello della contabilità presso la Banca d’Italia?
Aderendo in forma AGGREGATA, ed utilizzando il servizio APP IO gateway di Regione Veneto, bisogna comunque presentare singolarmente a PagoPA l'adesione ad AppIO?
Aderendo in forma SINGOLA, quale procedura va seguita per l'adesione autonoma ad AppIO?
Con adesione in forma aggregata, il Comune deve procedere autonomamente alla richiesta di adesione a PagoPA? In che modo?
Quali sono i passaggi successivi, una volta inviata la domanda in forma aggregata?

ANCI VENETO

Presidente: Mario Conte
Direttore: Carlo Rapicavoli
Via M. Cesarotti n°17 - 35030 Selvazzano Dentro (PD) 
Tel. 0498979-029 oppure -033    -    Fax 0498984643
email: anciveneto@anciveneto.org 
pec: anciveneto@pec.it
CF: 80012110245
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

 

A tale proposito se  hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email attraverso l'apposito form nella pagina dei contatti

 

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.anciveneto.org

A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell'utente.
 

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.
 

   2) A cosa servono i cookie? 

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

 

   3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.
 

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici? 

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se "utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici." 
 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.
 

   6) È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.
 

   7) In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.
 

   8) In che modo deve essere realizzato il banner?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click.
 

   9) Che indicazioni deve contenere il banner? 

Il banner deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.
 

   10) Come tenere documentazione del consenso all'uso dei cookie?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.
 

   11) Il consenso all'uso dei cookie si può avere solo con il banner?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L'uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

 

   12) Che cosa si deve inserire nella pagina informativa più estesa?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.
 

   13) Chi è tenuto a informare il Garante che usa cookie di profilazione?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.
 

   14) Quando entrerà in vigore questa normativa?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.
 

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browserInternet Service Provider (ISP)data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente e sono cookie tecnici.
 

COOKIE DI TERZE PARTI PRESENTI NEL SITO 

.....

TWITTER


⏰ Il 3 e 4 ottobre si voterà in 1.348 Comuni, di cui 1.157 appartenenti a regioni a statuto ordinario e 191 a regio… https://t.co/4DTPu2lgVh

RT @Cittalia: 🥳 #Carmiano vince il torneo #RefugeeTeams. "Un bellissimo progetto #Rete che, attraverso lo sport, favorisce l’inclusione e…
Follow comuni_anci on Twitter

Amministrazione Trasparente

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Anciveneto.
Iscriviti
Non saranno inviate email di spam.