A- A A+
Iniziative di interesse per i Comuni

Venerdì 27 marzo a partire dalle ore 9.30, il Master PISIA mette a disposizione GRATUITAMENTE un Webinar sui temi dello smart working, sulla piattaforma dell'ateneo Unipd.

TITOLO: Lo smart-working e altre forme di lavoro a distanza. La crisi COVID-19 come opportunità di miglioramento dell’organizzazione e del funzionamento delle P.A.

La registrazione potrà avvenire dal sito Unipd nella home page si può accedere al link del webinar e compilare il modulo (il numero di posti è purtroppo limitato e l'accesso avviene tramite piattaforma ZOOM).

In allegato il programma.

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (Webinar 27 marzo PISIA .pdf)Webinar 27 marzo PISIA .pdf 373 kB

Il Ministero dell'Interno ha formalmente accordato le proroghe richieste dall'ANCI (comunicatevi con precedente e-mail del 19 marzo u.s.) relative ad alcuni degli adempimenti degli Enti locali titolari di progetti Siproimi.

  

In particolare, è stata accordata la proroga:

dei termini di presentazione della domanda di prosecuzione dei progetti Siproimi in scadenza al 31 dicembre 2020, prevista entro il 31 marzo p.v., al 1° giugno 2020;

dei termini di presentazione della rendicontazione Siproimi relativa all’annualità 2019, prevista per il 30 aprile p.v., al 1° giugno 2020.
 
Di seguito, le dichiarazioni rilasciate in proposito dal Sindaco Matteo Biffoni.
 
Covid19 -  Accordate proroghe Siproimi. - Biffoni: "Ringraziamo il Governo per esserci venuto incontro”
 
“Ringraziamo il Governo per essere venuto concretamente incontro ai Comuni che, in questo momento così complicato, sono chiamati ad uno sforzo straordinario per gestire l’emergenza sui propri territori”. Così Matteo Biffoni, sindaco di Prato e delegato Anci all’Immigrazione e Politiche per l’Integrazione in merito alla decisione del Viminale di accordare le proroghe richieste dall’Anci relative ad alcuni adempimenti degli Enti locali titolari di progetti Siproimi.
In particolare, è stata accordata la proroga dei termini di presentazione della domanda di prosecuzione dei progetti in scadenza al 31 dicembre 2020, prevista entro il 31 marzo, al 1° giugno 2020 e una proroga dei termini di presentazione della rendicontazione relativa all’annualità 2019, prevista per il 30 aprile, al 1° giugno 2020.
“La collaborazione con il ministero dell’Interno è costante – prosegue Biffoni  – tanto che abbiamo elaborato e sottoposto due specifiche proposte, su cui il Ministero si è immediatamente reso disponibile: una che prevede un diverso utilizzo delle strutture Siproimi, in termini di flessibilità di beneficiari che possono accedervi, l’altra che prevede la prosecuzione dei progetti in scadenza Siproimi fino al 31 dicembre prossimo”.
“Tutto questo, insieme ad altre iniziative che Anci sta mettendo in campo, per sostenere i Comuni che si trovano a dover gestire una situazione più che mai complicata per garantire la salute, l’incolumità e la vita dei nostri cittadini”.
 

Le minoranze linguistiche presenti nel territorio veneto possono fare richiesta di finanziamento alla Regione Veneto. Il termine di presentazione delle domande è il prossimo 30 aprile, sia in forma singola da parte di un singolo ente, che aggregata di più enti di cui uno fa da capofila. Vanno corredate con una marca da bollo e il documento d'identità del legale rappresentante.

La spedizione deve avvenire in forma telematica, all'indirizzo pec della regione Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  o quello del dipartimento per gli affari regionali del Governo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Questo dovrà essere il corpo del testo:

"Alla Regione del Veneto

Direzione Relazioni Internazionali, Comunicazione e SISTAR U.O.

Cooperazione Internazionale Fondamenta S. Lucia, Cannaregio 23

30121 Venezia"

Per altre informazioni: 041 2794376, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Di seguito il testo completo della circolare:

Oggetto: Legge n. 482/1999 "Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche". Avviso per la presentazione delle richieste di finanziamento progetti di cui ai fondi statali di competenza esercizio finanziario 2020 previsti dagli articoli 9 e 15. DGR n. 194 del 18.02.2020 (BlURV n.29 del 06.03.2020). Circolare ministeriale prot. DAR 0001471 P-4.37.1 del 24.01.2020 (Linee guida 2020).

Si comunica che la Giunta regionale del Veneto, con D.G.R. n. 194 del 18.02.2020, ha recepito la circolare ministeriale prot. DAR 0001471 P-4.37.1 del 24.01.2020 (Linee guida 2020) e la relativa modulistica per la presentazione delle richieste di finanziamento progetti di cui ai fondi statali di competenza esercizio finanziario 2020, previsti dagli articoli 9 e 15 della Legge n. 482/1999 di cui all'oggetto.

Gli organismi interèssati, così come individuati dall'art. 8, comma 3 del DPR n. 345/3101 (Enti locali, Camere di commercio e Aziende sanitarie presenti nel Veneto nelle aree delimitate dai Consigli Provinciali per le lingue minoritarie ammesse a tutela) potranno proporre progetti rientranti nelle finalità della legge secondo le direttive del provvedimento sopra indicato, da presentarsi alla Regione del Veneto entro il termine perentorio del 30 aprile 2020, ai sensi del DPR n. 345/2001, così come modificato dal DPR 60/2003.

Si chiede quindi, ai soggetti in indirizzo, di informare tutti gli organismi interessati nel territorio di competenza, al fine di sollecitare la presentazione di progetti con finalità rientranti negli articoli 9 e 15 della Legge n. 482/1999. Nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 29 del 06.03.2020 è pubblicato il provvedimento di Giunta regionale n. 194 del 18.02.2020, comprensivo della circolare ministeriale (Allegato A) prot. DAR 0001471 P-4.37.1 del 24.01.2020 (Linee guida 2020) e della relativa Modulistica per la presentazione della domanda, costituita dai seguenti Allegati:

— Modulo A - istanza in forma aggregata: da utilizzare per le richieste di finanziamento di progetti presentati da un Ente Capofila, in forma aggregata ad altri Enti (Allegato A1);

— Modulo S - istanza in forma singola: da utilizzare per le richieste di finanziamento di progetti presentati da un Ente in forma singola ed autonoma (Allegato A2).

La domanda dovrà essere corredata, inoltre, dalla seguente documentazione: - documento di identità in corso di validità del rappresentante legale del richiedente (soggetto singolo o aggregazione) e marca da bollo dí cui al D.P.R. 26.10.1972, n. 642, ove prevista.

Le richieste di finanziamento dovranno essere trasmesse alla Regione del Veneto in formato elettronico entro il termine perentorio del 30 aprile 2020 - pena C esclusione - e inviate contestualmente all'indirizzo di posta elettronica del Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie, ai seguenti indirizzi:

• Regione del Veneto mediante posta elettronica certificata al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., con le seguenti precisazioni:

- la e-mail dovrà avere in allegato la domanda di finanziamento e tutti gli allegati in uno dei seguenti formati: .pdf , pdf/A .odf , .txt .jpg , .gif , .tiff , Ami; - nell'oggetto della e-mail contenente la domanda dovrà essere apposta la dicitura: "Richiesta di finanziamento progetto di cui ai fondi statali di competenza esercizio finanziario 2019 previsti dagli articoli 9 e 15 della Legge n. 482/1999 Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche";

- nel corpo della e-mail dovrà essere inserito il seguente destinatario: 

Alla Regione del Veneto

Direzione Relazioni Internazionali, Comunicazione e SISTAR U.O.

Cooperazione Internazionale Fondamenta S. Lucia, Cannaregio 23

30121 Venezia.

Le informazioni sulle modalità dí trasmissione con posta elettronica certificata si trovano al seguente indirizzo: http://www.regione.veneto.itIwebIatrari-generali/pec-regione-veneto

Il 6 marzo prossimo, dalle 14.30 alle 16.30, nella nostra sede del''ordine degli ingegneri di Verona in Via Santa Teresa 12, si terrà l’evento di apertura della rassegna Culturale “Open 2020 – I ponti della comunicazione – Reti materiali e immateriali proiettate nel futuro”, dal titolo Conosciamo l’elettromagnetismo e il 5G”.

Il seminario è dedicato alla tanto discussa tematica del 5G che verrà affrontata in maniera organica, comprendendo i vari aspetti della tecnologia con tutte le diverse implicazioni. L’obiettivo infatti, grazie agli interventi di Arpav, Ulss 9, FUB – Fondazione Ugo Bordoni (consulente del Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni), è quello di affrontare l’argomento dal punto di vista della tecnologia, del monitoraggio e degli aspetti sanitari. 

Per partecipare, è richiesta l'iscrizione a questo link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-seminario-conosciamo-lelettromagnetismo-e-il-5g-96473700435. Nell'allegato la locandina.

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (Locandina IN20-021.pdf)Locandina IN20-021.pdf 157 kB

La Regione Veneto ha adottato nel Regolamento n.2 le nuove Prescrizioni di Massima e Polizia Forestale che tengono conto degli aggiornamenti nazionali e comunitari. I più significativi sono:

 -il D. Lgs n. 42/2004 «Codice dei beni culturali e del paesaggio», con particolare riferimento all’articolo 149 secondo il quale non sono soggetti ad autorizzazione paesaggistica i tagli colturali;

-il D. Lgs n. 34/2018 « Testo unico in materia di foreste e filiere forestali» e la conseguente abrogazione del D. Lgs. n. 227/2001, che ha privato la definizione di bosco in vigore nella normativa regionale del corretto collegamento alla norma statale;

-il Reg. (CE) n. 995/2010, che definisce gli obblighi degli operatori che commercializzano legno e prodotti da esso derivati; 

-l’istituzione dell’Albo regionale delle imprese boschive, previsto all’articolo 23 bis della L.R. n.52/1978 e disciplinato con DGR n. 296/2016 e ss.mm.ii.;

-la normativa europea in materia di protezione degli Habitat e specie di interesse comunitario (Direttive Habitat e Uccelli) e l’adozione del Prontuario Operativo per interventi di gestione forestale (DGR n. 7/2018);

-le nuove Norme di pianificazione forestale, approvate con DGR n. 167/2019. Con Regolamento n. 2 del 7 febbraio 2020, pubblicato sul BUR n. 18 del 11 febbraio 2020, sono state adottate le nuove Prescrizioni di Massima e Polizia Forestale (PMPF) della Regione Veneto, ai sensi degli articoli 8, 9 e 10 del R.D. n. 3267/1923 e dell’articolo 5 della L.R. n. 52/1978.

Il suddetto Regolamento, che entra ufficialmente in vigore a partire dal 27 febbraio p.v., sostituisce le PMPF approvate con provvedimento del Consiglio regionale n. 83 del 18 dicembre 1980 e ss.mm.ii. Ai procedimenti amministrativi in corso alla data di entrata in vigore del presente Regolamento e fino alla loro conclusione continuano ad applicarsi le PMPF approvate con provvedimento del Consiglio n. 83/1980, come disposto dall’articolo 44 del Regolamento in parola.

ANCI VENETO

Presidente: Mario Conte
Direttore: Carlo Rapicavoli
Via M. Cesarotti n°17 - 35030 Selvazzano Dentro (PD) 
Tel. 0498979033 - Fax 0498984643
email: anciveneto@anciveneto.org 
pec: anciveneto@pec.it
CF: 80012110245
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

 

A tale proposito se  hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email attraverso l'apposito form nella pagina dei contatti

 

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.anciveneto.org

A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell'utente.
 

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.
 

   2) A cosa servono i cookie? 

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

 

   3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.
 

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici? 

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se "utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici." 
 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.
 

   6) È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.
 

   7) In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.
 

   8) In che modo deve essere realizzato il banner?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click.
 

   9) Che indicazioni deve contenere il banner? 

Il banner deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.
 

   10) Come tenere documentazione del consenso all'uso dei cookie?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.
 

   11) Il consenso all'uso dei cookie si può avere solo con il banner?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L'uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

 

   12) Che cosa si deve inserire nella pagina informativa più estesa?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.
 

   13) Chi è tenuto a informare il Garante che usa cookie di profilazione?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.
 

   14) Quando entrerà in vigore questa normativa?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.
 

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browserInternet Service Provider (ISP)data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente e sono cookie tecnici.
 

COOKIE DI TERZE PARTI PRESENTI NEL SITO 

.....

TWITTER


“Dopo la pandemia siamo davanti a una sfida. È questo il momento di dimostrare coraggio delle scelte da tradurre in… https://t.co/sqfVy2rgNZ

#GN2020 | Il #20settembre una luce verde illuminerà centinaia di monumenti nelle città italiane per la… https://t.co/UxbLymHON1
Follow comuni_anci on Twitter

Amministrazione Trasparente

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Anciveneto.
Iscriviti
Non saranno inviate email di spam.