A- A A+
Iniziative di interesse per i Comuni

Si inoltra, per necessaria conoscenza, la nota prot.n.24786 del 19 dicembre 2019, trasmessa dal Ministero dell'Interno al Servizio Centrale del Siproimi e alle Prefetture competenti, con la quale si richiama quanto previsto dall’art. 12, comma 5, del decreto legge n. 113/2018, convertito nella legge n. 132/2018, in merito alla permanenza in accoglienza dei richiedenti asilo fino alla scadenza del progetto Siproimi finanziato.

Ad oggi la norma si applica ai progetti Siproimi con termine del triennio di finanziamento al 31 dicembre 2019.

Il Ministero dell’Interno, nel prevedere graduali trasferimenti dei richiedenti asilo presso strutture di accoglienza prefettizie e governative, dispone che dal 1° gennaio 2020 nei confronti dei richiedenti asilo temporaneamente accolti nel Siproimi, nelle more della conclusione dell'iter dei trasferimenti, non potranno essere erogati e, quindi, rendicontati, i servizi per l'integrazione.

Si pone l’attenzione su quanto riportato nella nota ministeriale allegata, e in particolare sul passaggio con il quale il Ministero indica la necessità di “pianificare i trasferimenti (…) assumendo intese dirette con i referenti dei progetti presso gli enti locali titolari”.

E’, pertanto, in sede di questo confronto interistituzionale che si dovrà tenere conto delle “situazioni di vulnerabilità”, nonché “considerare la posizione giuridica di coloro che sono in attesa del permesso di soggiorno, per i quali potrà essere confermata la permanenza nel SIPROIMI se rientranti nelle categorie per le quali è previsto l’ingresso nel Sistema”.

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (MinInterno Circ 19 12 2019 RichAsilo Art 12 Co 5.pdf)MinInterno Circ 19 12 2019 RichAsilo Art 12 Co 5.pdf 411 kB

Per evitare interruzioni nei servizi di accoglienza dei progetti Siproimi in scadenza al 31 dicembre p.v. è stato adottato dal Ministro dell'Interno il decreto di finanziamento della prosecuzione dell’accoglienza dal 1° gennaio al 30 giugno 2020: il finanziamento consentirà agli Enti locali che hanno manifestato l’intenzione di proseguire le attività progettuali di continuare ad operare, nelle more della valutazione ed approvazione delle domande di prosecuzione dei progetti per il triennio 2020-2022.

In allegato il testo del decreto ministeriale 13 dicembre 2019 e i tre prospetti, riportanti le risorse assegnate per le tre tipologie di accoglienza (ordinaria, per MSNA e per DM-DS), disponibili anche sul sito https://www.interno.gov.it/it/notizie/siproimi-libera-decreto-finanziamento.

Roma, 23 dic. (askanews) - Si è tenuto questa mattina un incontro tecnico tra rappresentanti del Ministero dell'Interno e dell'ANCI per l'attivazione di un intervento che, attraverso l'utilizzo di risorse europee, consenta ai titolari di protezione umanitaria già presenti nei progetti Siproimi (il Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati, ndr) di proseguire la loro permanenza nelle medesime strutture anche oltre il prossimo 31 dicembre. Lo fa sapere il Viminale.

Il Servizio Centrale fornirà le opportune indicazioni ai Comuni titolari di Siproimi, assicurando il necessario raccordo tra Ministero dell'Interno ed Enti locali coinvolti.

Red/Sav 20191223T133545Z

https://www.interno.gov.it/it/sala-stampa/comunicati-stampa/riunione-tecnica-viminale-anci-progetti-siproimi-impegno-garantire-permanenza-nelle-strutture-i-titolari-protezione-umanitaria

 "Nessuno dei 1.428 titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari, attualmente presenti nel nuovo Sistema di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati (SIPROIMI), perderà l'assistenza". Lo assicura il VIMINALE il quale precisa che "in vista della scadenza il prossimo 31 dicembre dei progetti in corso, per dare continuità all'azione di assistenza, l'Autorità Responsabile dei fondi europei FAMI ha già pubblicato due specifici avvisi riservati agli Enti Locali per finanziare iniziative di accompagnamento all'autonomia e all'inclusione. Al momento, i progetti finanziati sono trentanove ed un nuovo bando verrà a breve pubblicato. Le progettualità avranno inizio dopo una fase accelerata di selezione".
"La continuità all'assistenza dei titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari potrà essere garantita anche utilizzando le strutture già destinate dai Comuni nell'ambito del SIPROIMI". 
Infatti -prosegue la nota del VIMINALE-, la possibilità di mantenere la sede di accoglienza attuale rientra nella discrezionalità dell'Ente Locale titolare del progetto ed è consentita dal FAMI. Rimane inoltre confermata la possibilità, qualora ne ricorrano i presupposti, di rilasciare loro un permesso di soggiorno per cure mediche o per i casi speciali previsti dalla legge (es. vittime di tratta)".
"In attesa di definire le modifiche al quadro normativo, in corso di valutazione politica, il Ministero dell'Interno è molto attento, in questa delicata fase, alle condizioni di vita di tutti i soggetti coinvolti e alle esigenze dei Comuni italiani che li ospitano e delle organizzazioni che gestiscono i relativi progetti", conclude il ministero guidato dal ministro Luciana Lamorgese.
(dall'Ansa del 21 dicembre)
 

logo INPS per tuttiL’11 dicembre scorso l’ANCI ha sottoscritto un accordo quadro di collaborazione con INPS e Caritas per promuovere la diffusione su tutto il territorio nazionale del Progetto “INPS per Tutti”, sinora sperimentato nelle città metropolitane di Roma, Milano, Torino, Napoli, Bologna, Bari. L’obiettivo è favorire la collaborazione a livello locale tra Comuni, INPS e le associazioni di volontariato come la Caritas. Il passo successivo è di intercettare persone in stato di povertà assoluta, i senza dimora e i cittadini più fragili, nonché di valutare la sussistenza di requisiti utili al riconoscimento di prestazioni sociali, assistenziali e previdenziali e consentire loro di presentare domanda di accesso.

Nell’accordo quadro si prevede inoltre l’istituzione di un tavolo tecnico nazionale, composto da rappresentanti di ANCI, INPS e Caritas, quale sede di confronto, scambio di informazioni, elaborazione di proposte relative alle misure assistenziali e di contrasto alla povertà, nonché di monitoraggio del progetto, dei risultati raggiunti e degli eventuali problemi riscontrati.

“Una comunità è forte quando sa tendere una mano a chi è in difficoltà”. Con queste parole il presidente dell’Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro ha riassunto il senso dell’accordo di collaborazione che l’Anci ha sottoscritto con l’Inps e la Caritas che ha tra i suoi obiettivi primari la promozione e la diffusione presso i Comuni del progetto “Inps per Tutti”. Un progetto rivolto ai cittadini più fragili che consente loro di conoscere le prestazioni socioassistenziali a cui hanno diritto.
Presenti alla firma del protocollo d’intesa il presidente dell’Inps Pasquale Tridico e don Marco Pagniello, del coordinamento politiche sociale e welfare di Caritas Italia.
“In Italia – ha detto Decaro – ci sono 1,8 milioni di famiglie in povertà, pari a circa 5 milioni di individui, concentrati nelle principali città metropolitane del Paese: in sette di esse risiede la metà di persone senza fissa dimora. Molte persone non conoscono i loro diritti. Attraverso questo progetto e grazie alla collaborazione delle associazioni di volontariato, come la Caritas, portiamo l’Inps nelle comunità che abbiamo l’onore di amministrare, dalle più grandi alle più piccole, per dare un servizio anche a chi per vive più lontano dai servizi o non ha dimestichezza con il digitale”.
Tridico ha illustrato il progetto. “Ci apprestiamo ad attivare la leva della proattività sul tutto il territorio nazionale, così come abbiamo già fatto in otto grandi città italiane, Roma, Bari, Milano, Torino, Palermo, Catania, Napoli e Bologna, nelle quali abbiamo sottoscritto accordi con i sindaci per portare il servizio sul territorio grazie a sportelli dedicati”.
L’intercettazione del bisogno per pianificare le azioni opportune sul territorio è la mission del progetto. “Ci rivolgiamo a chi ha difficoltà a trovare informazioni con dei punti Inps – ha sottolineato il presidente dell’Inps – ma anche con soluzioni telematiche che stiamo sperimentando affinché, anche là dove non è possibile essere presenti fisicamente, sarà possibile dare un servizio al cittadino”. Un servizio realizzabile “lavorando in accordo con il mondo dell’associazionismo, prima sentinella del territorio su queste questioni”, ha concluso il presidente dell’Inps.

Per eventuali informazioni sull’argomento è possibile contattare l’Area ANCI Welfare ai seguenti riferimenti:

tel. 06/01908500 e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

ANCI VENETO

Presidente: Mario Conte
Direttore: Carlo Rapicavoli
Via M. Cesarotti n°17 - 35030 Selvazzano Dentro (PD) 
Tel. 0498979033 - Fax 0498984643
email: anciveneto@anciveneto.org 
pec: anciveneto@pec.it
CF: 80012110245
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

 

A tale proposito se  hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email attraverso l'apposito form nella pagina dei contatti

 

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.anciveneto.org

A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell'utente.
 

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.
 

   2) A cosa servono i cookie? 

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

 

   3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.
 

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici? 

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se "utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici." 
 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.
 

   6) È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.
 

   7) In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.
 

   8) In che modo deve essere realizzato il banner?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click.
 

   9) Che indicazioni deve contenere il banner? 

Il banner deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.
 

   10) Come tenere documentazione del consenso all'uso dei cookie?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.
 

   11) Il consenso all'uso dei cookie si può avere solo con il banner?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L'uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

 

   12) Che cosa si deve inserire nella pagina informativa più estesa?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.
 

   13) Chi è tenuto a informare il Garante che usa cookie di profilazione?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.
 

   14) Quando entrerà in vigore questa normativa?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.
 

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browserInternet Service Provider (ISP)data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente e sono cookie tecnici.
 

COOKIE DI TERZE PARTI PRESENTI NEL SITO 

.....

TWITTER


RT @FondazioneIFEL: 📗"Autonomia ed Epidemia. L'emergenza #Covid_19. I provvedimenti normativi e gli atti amministrativi." Online il report…

Uno spazio online con brevi annunci per svolgere piccole attività quotidiane. Protagonista di oggi per… https://t.co/kERJnJq1JX
Follow comuni_anci on Twitter

Amministrazione Trasparente

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Anciveneto.
Iscriviti
Non saranno inviate email di spam.