A- A A+
Notizie

videosorveglianza

Due municipalità venete sono state premiate all'Assemblea Nazionale dell'Anci di Rimini per i risultati nella sicurezza urbana. Si tratta di Verona e Venezia, entrambe comuni capoluogo.

Per la città scaligera è stato l'intero Corpo di Polizia Municipale del Comune di Verona a salire sul podio, per il “Progetto Giano 2” che riguarda la gestione informatica dei Nuclei Operativi. Nelle motivazione del riconoscimento si fa riferimento “alla realizzazione del sistema di accesso integrato alle principali banche dati utili alla Polizia Locale per il reperimento di informazioni per il controllo della regolarità dei veicoli in circolazione e dei documenti utilizzati dai conducenti”.

Per la presidente di Anci Veneto Maria Rosa Pavanello è una soluzione di buon senso. Una scelta che va incontro alle esigenze di Comuni e cittadini e che sottolinea l’importanza del rispetto delle regole

 

 “La decisione della Regione è una scelta di buon senso che va nella direzione auspicata di Anci Veneto. Permette infatti di superare una situazione di impasse che si stava facendo difficile per le strutture amministrative dei Comuni".

Con queste parole la presidente di Anci Veneto, Maria Rosa Pavanello, annuncia l’invio della circolare, in accordo con la Regione, ai Comuni sul bando libri con cui si chiarisce la possibilità di presentare l’autocertificazione per i cittadini stranieri.

"Noi siamo per il pieno rispetto della legge -continua-. I furbetti non devono riuscire ad ottenere questo contributo portandolo via magari via a chi ne ha realmente bisogno. Per questo, come scritto nella circolare, faremo dei controlli a campione per individuare chi non rispetta i parametri prefissati. E queste persone vedranno decadere la concessione del contributo e saranno perseguite penalmente. È un segnale per invitare tutti al pieno rispetto delle regole su un tema delicato ed intoccabile, che coinvolge i bambini e la loro istruzione”.

Nella circolare si chiarisce che “né il bando né le istruzioni per la compilazione della domanda prevedono l’inammissibilità delle richieste presentate da cittadini di Paesi extra Ue sprovviste della documentazione relativa a quanto non certificabile o attestabile da parte di soggetti pubblici italiani. Questo, perché solo nelle istruzioni l’ente erogatore del contributo (il Comune) deve confermare o meno di aver ricevuto tale documentazione. Pertanto, come previsto per i casi in cui manchi uno dei requisiti indicati dal Bando, anche nell’ipotesi in cui il Comune dovesse confermare di non aver ricevuto tale documentazione, la richiesta deve essere comunque trasmessa alla Regione per consentire ai suoi uffici di completarne l’istruttoria. Considerato quindi che non sussistono cause di esclusione dal contributo per mancata produzione della documentazione in parola, in tale fase procedimentale la domanda è da considerarsi utilmente presentata anche in presenza della sola autocertificazione”.

La circolare, inoltre, prevede dei controlli a campione: “una volta conclusa l’istruttoria degli uffici regionali i Comuni, in qualità di soggetti erogatori, in attuazione a quanto previsto dal 3° comma, art. 1 della legge regionale 2/2018 in materia di controlli e verifiche, adempiranno all’obbligo di definire e, entro il 30 aprile 2019, attuare modalità di controllo, anche a campione, secondo un piano definito sulla base di criteri di analisi del rischio. In caso di accertamento di dichiarazioni false o mendaci sarà disposta la decadenza dai benefici e il richiedente sarà perseguito penalmente o in via amministrativa per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato ai sensi dell’art. 316 ter del Codice Penale riservandosi la Regione ulteriori eventuali preclusioni dai benefici con riferimento a successive domande di erogazione del buono libri.

 “L’Anci Veneto –conclude Pavanello- non è scesa nel ring della polemica politica perché ha lavorato fin da subito all’individuazione di una soluzione condivisa insieme alla Regione. E infatti grazie al lavoro con il Presidente e l’assessore siamo giunti ad una soluzione che ha permesso di rispondere alla richieste dei cittadini e sbloccare una situazione di ingorgo amministrativo che rischiava di creare seri problemi”.

microzonazione

L'Ordine dei Geologi del Veneto segnala l'invito per tutti i Comuni interessati, in un ottica di prevenzione del Rischio Sismico, a richiedere alla Regione Veneto il cofinanziamento per gli studi di Microzonazione Sismica per utilizzare i fondi che la Protezione Civile ha messo a disposizione delle Amministrazioni Comunali.

La richiesta può essere effettuata entro il termine massimo di lunedì 29 ottobre 2018 compreso.

ANCI VENETO

Presidente: Maria Rosa Pavanello
Direttore: Carlo Rapicavoli
Via M. Cesarotti n°17 - 35030 Selvazzano Dentro (PD) 
Tel. 0498979033 - Fax 0498984643
email: anciveneto@anciveneto.org 
pec: anciveneto@pec.it
CF: 80012110245
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

 

A tale proposito se  hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email attraverso l'apposito form nella pagina dei contatti

 

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.anciveneto.org

A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell'utente.
 

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.
 

   2) A cosa servono i cookie? 

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

 

   3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.
 

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici? 

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se "utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici." 
 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.
 

   6) È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.
 

   7) In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.
 

   8) In che modo deve essere realizzato il banner?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click.
 

   9) Che indicazioni deve contenere il banner? 

Il banner deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.
 

   10) Come tenere documentazione del consenso all'uso dei cookie?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.
 

   11) Il consenso all'uso dei cookie si può avere solo con il banner?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L'uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

 

   12) Che cosa si deve inserire nella pagina informativa più estesa?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.
 

   13) Chi è tenuto a informare il Garante che usa cookie di profilazione?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.
 

   14) Quando entrerà in vigore questa normativa?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.
 

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browserInternet Service Provider (ISP)data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente e sono cookie tecnici.
 

COOKIE DI TERZE PARTI PRESENTI NEL SITO 

.....

TWITTER


A @Unomattina la proposta di legge #educazioneallacittadinanza | “Amministrare le città richiede molti strumenti e… https://t.co/pqRDjOIU0k

RT @Unomattina: Educazione alla cittadinanza: per formare buoni cittadini c'è la necessità di farla diventare una materia scolastica autono…
Follow ANCI on Twitter

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Anciveneto.
Iscriviti
Non saranno inviate email di spam.