A- A A+
Notizie

carnevale

A breve sarà possibile presentare progetti per manifestazioni culturali finanziate dalla Regione. La Giunta regionale ha infatti approvato lo schema di Avviso pubblico con i termini di presentazione delle proposte (deliberazione n.207 del 26 febbraio 2019). Il riferimento è alla Legge regionale 8 settembre 1978, n.49.

Per altre informazioni: https://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=389252.

bandieraveneta

“Le parole del presidente Luca Zaia sul coinvolgimento dei territori nell’attuazione dell’autonomia non possono che trovare la nostra piena e totale condivisione. I sindaci ed i Comuni devono essere il motore di questo processo e rappresentano, senza ombra di dubbio, le gambe su cui deve camminare l’autonomia sui territori. Le istituzioni, le associazioni di categoria e tutti gli stakeholder del territorio devono rimanere compatte. Dal canto suo, l’Anci Veneto continuerà ad essere a fianco della Regione e del Governatore offrendo, come ha sempre fatto, il proprio contributo in termini di proposte, soluzioni e dialogo. E si comporterà da interlocutore serio ed affidabile, visto che fin dal referendum ha dato il proprio appoggio all’autonomia”.

Così la presidente di Anci Veneto, Maria Rosa Pavanello, commenta il punto sulla trattativa dell’autonomia fatta dal Presidente Zaia nel corso della Consulta del 5 marzo a Venezia.

“Abbiamo fiducia nel Presidente e guardiamo con speranza al percorso dell’autonomia nel pieno rispetto della Costituzione, del Governo e dei lavori del Parlamento consapevoli che non è possibile un’autonomia senza i Comuni come diceva Don Sturzo”.

leggeBilancio2019Bene le aperture nella finanza pubblica dell'ultima legge di bilancio. Ma non basta, perché per Anci Veneto restano aperte altre questioni.

Lo ha fatto presente la stessa Associazione all'incontro del 26 febbraio con gli esperti della fondazione IFEL Andrea Ferri e Agostino Buldrini.

Il primo punto è il codice degli appalti da semplificare, visto che allo stato attuale condiziona ancora la velocità di realizzazione degli investimenti. Il secondo sono le regole sulle assunzioni non ancora adeguate al probabile esodo dalla P.A., previsto in forma massiccia nei prossimi mesi per la nuova normativa in tema di pensioni.

A questo si aggiungono i vincoli di finanza pubblica, che negli ultimi anni hanno penalizzato soprattutto gli enti del Veneto. Una penalizzazione che è stata in termini di spazi finanziari per effettuare nuove spese. Oltre che di limiti di utilizzo dell'avanzo e delle regole del turnover, che non distinguevano situazioni di dotazione organica sopra la media nazionale da quelle sotto.

Nella Legge di bilancio ci sono pure contraddizioni, che saranno poste all'attenzione dell'Anci nazionale:

1) le sanzioni agli enti in ritardo sui pagamenti ai fornitori stranamente si applicano anche agli enti che rispettano i 30 gg di tempo previsti dalla normativa europea (art. 1, c. 857 e segg. L. 145/18);

2) le paventate sanzioni sulle assunzioni di personale a chi non rispetta l'equilibrio di competenza ex allegato n. 10 al D. Lgs. 118/11, come sembra indicato nella circolare del MEF n. 3 del 14/2/19;

3) il nuovo regime dei lavori pubblici di somma urgenza ex art. 191, c.3 del Tuel, che si presta a letture divergenti, fino a considerare sempre obbligatoria l'adozione di una delibera di riconoscimento di debito fuori bilancio.

Per questo l'Anci regionale promuoverà a breve la consueta analisi sui dati consuntivi dei Comuni del Veneto. L'obiettivo è di mettere in luce le cause specifiche che rallentano l'impiego degli avanzi di amministrazione. Senza dimenticare il tema della semplificazione del quadro normativo attuale, con proposte specifiche e tangibili.

wifi

"L’ANCI aderisce a “Piazza WiFi Italia” (http://www.anci.it/anci-aderisce-al-progetto-piazza-wifi-italia-per-lattivazione-di-punti-wifi-nei-piccoli-comuni/) il progetto del Ministero dello Sviluppo Economico che ha come obiettivo quello di permettere a tutti i cittadini di connettersi, gratuitamente e in modo semplice tramite l’applicazione dedicata, a una rete wifi libera e diffusa su tutto il territorio nazionale.

I Comuni potranno fare richiesta di punti wifi direttamente online, registrandosi sulla nuova piattaforma web accessibile dal sito wifi.italia.it. La disponibilità di risorse, passata da otto a 45 milioni di euro, permetterà di portare nuove aree wifi gratuite in tutti i Comuni italiani, con priorità per i Comuni con popolazione inferiore a 2.000 abitanti.

I lavori sulla rete sono già stati affidati. Il 23 gennaio 2019, infatti, è stato dato l’incarico a Infratel Italia, società in-house del MiSE. Torricella Sicura, in provincia di Teramo, è il primo Comune in Italia (e il primo delle zone colpite dal sisma del 2016) con un punto wifi attivo nell’ambito di questa iniziativa. I primi interventi stanno coinvolgendo, con un progetto dedicato, tutti i 138 Comuni colpiti dal sisma del 2016 in Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, nei quali sono state già avviate le attività di progettazione d’intesa con le amministrazioni locali.

ANCI promuoverà quindi tra i suoi associati il progetto e le modalità di partecipazione, che si inserisce nel solco delle azioni di sviluppo locale mirate ad invertire la tendenza allo spopolamento dei piccoli Comuni e costituisce un altro tassello per la riduzione del digital divide nei piccoli centri, a favore di cittadini, imprese e turisti.

Maggiori informazioni e ulteriori dettagli del progetto sono presenti anche sul sito www.infratelitalia.it"

IrvvE' possibile richiedere contributi per il restauro delle ville venete. Li mette a disposizione l'Istituto Regionale delle Ville Venete (Irvv) in bandi specifici. 

Per presentare domanda c'è tempo fino alle ore 12 del prossimo 31 ottobre, salvo ulteriori proroghe. Si può consegnare a mano nella sede dell'Irvv a Mira, via Capitello Albrizzi. Oppure attraverso raccomandata con avviso di ricevimento. O via Pec, o ancora nel form presente del sito della stessa Irvv.

Queste condizioni valgono per tutti i richiedenti, sia privati che enti pubblici, come ricorda Anci Veneto.

Se approvati i finanziamenti saranno destinati:

-al restauro conservativo (che sia urgente) di affreschi, intonaci interni, parchi e giardini, oratori di pertinenza, fino a un massimo di 150mila euro;

-per la messa in sicurezza delle stesse ville, anche in questo caso fino a un massimo di 150mila euro, tra cui spese tecniche non oltre 10 per cento dei lavori massimo;

-per i mutui di 15 anni per il consolidamento e la manutenzione. Il massimo previsto è di 300mila euro, che potrà aumentare fino a mezzo milione per lavori eccezionali e imprevisti.   

ANCI VENETO

Presidente: Maria Rosa Pavanello
Direttore: Carlo Rapicavoli
Via M. Cesarotti n°17 - 35030 Selvazzano Dentro (PD) 
Tel. 0498979033 - Fax 0498984643
email: anciveneto@anciveneto.org 
pec: anciveneto@pec.it
CF: 80012110245
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

 

A tale proposito se  hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email attraverso l'apposito form nella pagina dei contatti

 

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.anciveneto.org

A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell'utente.
 

COOKIE LAW

   1) Che cosa sono i cookie?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.
 

   2) A cosa servono i cookie? 

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

 

   3) Cosa sono i cookie tecnici?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.
 

   4) I cookie Analytics sono cookie tecnici? 

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se "utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici." 
 

   5) Che cosa sono i cookie di profilazione?

Sono cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.
 

   6) È necessario il consenso dell'utente per l'installazione dei cookie sul suo terminale?

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.
 

   7) In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.
 

   8) In che modo deve essere realizzato il banner?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click.
 

   9) Che indicazioni deve contenere il banner? 

Il banner deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.
 

   10) Come tenere documentazione del consenso all'uso dei cookie?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.
 

   11) Il consenso all'uso dei cookie si può avere solo con il banner?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L'uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

 

   12) Che cosa si deve inserire nella pagina informativa più estesa?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.
 

   13) Chi è tenuto a informare il Garante che usa cookie di profilazione?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.
 

   14) Quando entrerà in vigore questa normativa?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.
 

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browserInternet Service Provider (ISP)data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente e sono cookie tecnici.
 

COOKIE DI TERZE PARTI PRESENTI NEL SITO 

.....

TWITTER


RT @MISE_GOV: #MISE @marcobellezza 21 e 22 marzo #Seminario formativo #SINFI Incontro con i rappresentanti dei #Comuni italiani per individ…

Ai nastri di partenza i Campionati studenteschi: si parte da Gubbio con la corsa campestre. Una importante occasion… https://t.co/WMetwhqhDf
Follow ANCI on Twitter

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Anciveneto.
Iscriviti
Non saranno inviate email di spam.